E QUINDI USCIMMO A RIVEDER LE STELLE

(Inferno, Canto XXXIV)

Il giorno della laurea in giurisprudenza:

il coronamento di un percorso universitario che ha richiesto abnegazione, sudore e capacità mnemoniche e che sembrava non dovesse finire mai. Le porte del mondo del lavoro che, finalmente, si spalancano. Ma dominare quella luce, visibile a stento dal fondo del tunnel, non è facile.


L’universo giuridico impone al neo-laureato una rigida capacità di analisi delle proprie attitudini e, conseguentemente, il tempestivo compimento di una scelta professionale. 

Molto spesso, però, non si hanno gli elementi (e la tranquillità) per decidere serenamente e con cognizione di causa. Si sceglie al buio. Ci si muove in una direzione sbagliata. O si rischia di rimanere inerti, mentre il cronometro del diritto scorre, inflessibile. 



LA MISSIONE IUSUAL

Rappresentare un ponte tra due sponde – l’Università e le Professioni – che, talvolta, non sembrano collegabili. Creare una bussola giuridica, che consenta ai neo-laureati (ma non solo) di orientarsi nell’universo post-lauream, sfruttando l’esperienza di giovani giuristi che, negli anni passati, hanno compiuto lo stesso percorso.

Si tratta di un servizio totalmente gratuito.